Carte Uno: è ancora il più amato dopo 40 anni

di Giada Commenta

 Sembra incredibile ma è così: il gioco di carte Uno è ancora uno tra i più apprezzati dopo ben 40 anni dalla sua prima distribuzione. Era solo il 1971 quando Merle Robbins lanciò in tutti i negozi di giocattoli il gioco di carte che divenne poi famoso in tutto il mondo. Da allora, generazioni e generazioni di persone hanno riscoperto i giochi di carte sfruttandone le potenzialità non solo a casa, durante le feste con amici, ma anche in spiaggia, in nave, sul treno. Le ultime tecnologie elettroniche poi hanno fatto sì che tutti gli appassionati potessero giocare anche da soli grazie all’Uno elettronico, un piccolo apparecchio a colori creato per meravigliosi e lunghissimi solitari ispirati al grande gioco di carte.

Oltre ad intrattenere tutti i giocatori con le molteplici varianti digitali e non, il gioco di carte è riuscito a farsi apprezzare anche dai collezionisti che, con il tempo, hanno potuto acquistare e collezionare gelosamente tutte le differenti varianti cartacee del gioco.

Fino ad ora sono stati infatti moltissimi i personaggi dei cartoon che hanno preso posto sul dorso delle carte a partire dai Peanuts, i simpaticissimi protagonisti di una serie a strisce che hanno poi lasciato il posto agli eroi e i protagonisti dei cartoni più moderni come i Simpsons, Sponge Bob, Barbie, Cars e Harry Potter, solo per citarne alcuni.

Se siete appassionati del mondo Uno e volete dare il via ad un collezionismo assolutamente originale non perdetevi la nostra Photogallery dove potrete trovare i pacchetti di carte da gioco più famosi e quelli più introvabili. Lo stesso vale anche se avete intenzione di acquistare un regalo speciale per il vostro amico: cercate nel web (particolarmente consigliati i siti di vendita on line più comuni, tra cui eBay) il pacchetto che intendete acquistare e preparatevi a fare una sorpresa ai vostri amici più cari!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>