Angry Birds: in Cina il parco tematico (non ufficiale)

di Giada Commenta

 Poco importa se per creare un parco dei divertimenti ispirato a un prodotto dal marchio registrato non si disponga della licenza, soprattutto se il Paese in questione è la Cina! A Changsha, in provincia di Huna, è stato da poco inaugurato un parco dei divertimenti tutto ispirato al videogioco più amato degli ultimi tempi, Angry Birds.

La versione reale del videogioco, creato da Apple e disponibile per tutti i possessori di iPad e iPhone, è stata costruita riproducendo alla perfezione non solo gli uccelli da lanciare ma anche le costruzioni da distruggere. Gli uccellini arrabbiati, riproposti in morbida stoffa e “coccolosi” come peluche, possono essere lanciati da tutti i partecipanti che si sfidano in una partita reale ad annientare le barriere e mandare a centro i loro uccellini.

L’apertura del parco dei divertimenti ha riscosso moltissimo successo in Cina tanto da attirare milioni di visitatori in pochissimi giorni, un successo che, invece di far arrabbiare il marchio produttore del videogioco, ha inorgoglito i produttori che hanno subito visto nel parco un importante elemento di sponsor e pubblicità assolutamente gratuita. Il parco è infatti stato aperto sfruttando valori economici locali e, nonostante non si disponga della licenza necessaria per sfruttare il gioco, i produttori hanno fatto sapere di non voler citare in giudizio i creatori del parco.

Il luogo reale dove gli uccellini arrabbiati vengono lanciati e annientano ogni barriera si propone, infatti, come un ottimo elemento pubblicitario. Molti dei bambini che non possedevano un device Apple ora vogliono giocare anche da casa al loro gioco preferito e anche i genitori, prima ignari del successo di Angry Birds, ora cercano on line il gioco da scaricare gratuitamente. Per non parlare poi del merchandising: gli uccellini in peluche sono diventati i pupazzi preferiti dalle bambine e anche loro, sebbene non attratte dal gioco (non è certo un gioco da femminucce) stanno iniziando ad appassionarsi agli uccellini arrabbiati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>