Teatrino Barbapapà

di Marina Commenta

Ecco un gioco versatile conosciuto da tempi lontanissimi e forse ora meno utilizzato, anche se conserva sempre un grande fascino. Si tratta del teatrino, qui in versione Barbapapà.

Come si può vedere è rosa, il colore proprio del Barbapapà ed è decorato con le immagini dei suoi figli che allegri e giocosi cantano e ballano. I Barbapapà sono famosi in tutto il mondo, una serie che andava in onda quando io ero piccola,un pò di decenni fa! e che negli ultimi anni è stata riscoperta.

Qui è associata al teatrino che ritengo, personalemente, un gioco che permette di esternare e utilizzare la fantasia a grandi e piccini, ma anche di poter far diventare scenette le difficoltà della vita, tanto per renderle meno complicate, più semplici da vedere.

Attraverso i burattini e le scenette si possono aiutare i bambini a capire oppure spronarli a spiegarci. Non sono da sottovalutare. Non dimentichiamo però il piacere di giocare, di inventare storie assurde e impossibili.

Il teatrino è completamente di legno ed è fatto dalla Vilac, azienda francese specializzata nei giochi, li produce dal 1911 con una grande qualità. La struttura è in legno e la tendina per nascondere e chiudere la scena è sempre rosa.

Tenuto in piedi da due supporti non occupa tantissimo posto in larghezza e può essere sistemato in un angolo della cameretta. La Vilac produce anche altri modelli, uno azzurro con due ante laterali apribili e richiudibili e uno invece simile nella forma a quello dei Barbapapà, ma con altri disegni.

A seconda del modello, più grande o più piccolo, costano dai 125 euro agli 80. Li potete trovare nei migliori negozi di giocattoli oppure acquistare online. Li trovate sul sito della Vilac, ma anche in altri rivenditori online di giochi. I prodotti di questa azienda sono davvero ben fatti e ricchi di dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>