Super Mario, una passione che non scema mai

di Valentina Cervelli Commenta

Spread the love

Super Mario è uno di quei giochi che non importa il modo in cui vengano presentati o il dispositivo al quale si appoggiano: lo charme è irresistibile ed a prescindere dall’età che si ha ci si ritrova conquistati da questo idraulico “italiano” saltellante.

In fin dei conti basta vedere come di base la storia sia sempre la stessa: la principessa Peach viene rapita e Mario, talvolta accompagnato da Luigi o Yoshi, si trova a doverla salvare affrontando prima di arrivare alla sua liberazione tutta una challenge attraverso mondo differenti. Tra gli arcade è senza dubbio il gioco più longevo, uno di quelli che tutti amano giocare e che desiderano possedere. Ovviamente la capacità di gestire le varie prove dipende dalla bravura delle persone e dalle capacità che possiedono di utilizzare joystick e controller.

Ma perché i titoli di Super Mario godono di questo particolare successo? La risposta sta, per quanto possa sembrare assurdo, nella stessa organizzazione che il gioco ha. Per quanto infatti a seconda delle versioni o dai titoli i quadri cambino portando a mondi di natura e difficoltà diversa, magari comprendente la raccolta di un certo numero di stelle o simili elementi, di base la struttura è la stessa: 3 quadri per mondo, necessità di passare il quadro evitando di morire e raggiungimento del mostro da combattere che illude che la principessa sia salva prima di catapultare il giocatore nel successivo mondo.

Aiuta poi il fatto che i programmatori siano sempre in grado, da più di 25 anni, inventare scenari che non annoiano, tra l’altro regalando nel mezzo perle di gioco come Mario Kart.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>