Mattel cambierà fonte per il suo packaging

di Giada Commenta

Ricordate quando vi avevamo parlato delle proteste di Greenpeace a proposito del packaging delle confezioni della bella Barbie? A far inorridire il mondo sull’uso della carta di provenienza indonesiana ci aveva pensato appunto l’organizzazione per la protezione dell’ambiente che aveva messo a punto un progetto davvero incredibile.

Sulla sede della Mattel era stato calato un manifesto dalle proporzioni gigantesche che mostrava un Ken molto infelice: il suo volto, crucciato dalla disperazione, annunciava a Barbie la fine della loro relazione. Tradimento? Nuova fiamma? Calo della passione? Macché, il motivo è ben più serio. Greenpeace, sfruttando l’immagine del bel bambolotto, denunciava l’uso della carta  di provenienza forestale indonesiana usata per confezionare la Barbie, una precentuale di consumo molto elevata che ogni anno porta via un’enorme quantità di legno pregiato.

Le manifestazioni aveva coinvolto tutta la città di Los Angeles, portando per le piazze e le strade manifestanti di tutte le età, una situazione che, in pochi giorni di manifestazione, avrebbe già portato molti danni al marchio considerando che alcuni genitori avevano già minacciato di non voler più acquistare la celebre bambola, e si sa, Natale è sempre dietro l’angolo.

Da qualche ora però, ecco trapelare dal marchio i primi comunicati ufficiali: la Mattel sembra essere intenzionata a voler cambiare il suo packaging rivedendo i materiali utilizzati e, soprattutto, la loro provenienza. Non sono ancora state comunicate le prossime mosse della Mattel ma i consumatori credono che giustizia, finalmente, sia stata fatta. Il commercio quindi è salvo e le percentuali di vendita non dovrebbero subire un forte calo: si spera naturalmente che la Mattel rispetti l’impegno preso e che cerchi presto una soluzione.

Da parte nostra vorremmo suggerire un packaging prodotto con materiale riciclato: una confezione in cartoncino o in plastica riciclata sarebbe certo l’ideale, soprattutto se nel programma la Mattel si preoccupasse di rendere partecipi anche i piccoli consumatori spiegando loro dove buttare l’involucro una volta aperta la confezione della loro beniamina!

[Photo Credits livinglikeabarbie]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>