La rete e i giocattoli di Natale

di Marco Valeri Commenta

 Anche quest’anno il Natale ci regala momenti magici, tra il tradizionale e amato scambio dei regali tra le persone care e i bambini che incuriositi ascolteranno le favole su Babbo Natale promettendo di essere sempre più buoni.

Centri commerciali e negozi di giocattoli in questo periodo sono presi d’assalto, anche se risulta essere sempre più diffusa la vendita on line anche per i regali di Natale: questa permetterebbe di ottimizzare il tempo, che spesso e volentieri scarseggia. Quest’anno i doni dedicati ai bambini come sempre sono tanti, ma è interessante sapere che tipo di categorie di giochi sono preferite da regalare. Secondo la ricerca “Most trendy gift 2013” condotta da Fractals, un azienda che si occupa di osservare le tendenze del mercato digitale, ai primi posti ci sono i regali educativi, cioè quei regali che intrattengono ma educano il piccolo a qualcosa, per esempio alla musica (vedi prodotti Fisher Price) o all’apprendere una nuova lingua, il tutto divertendosi. Altra categoria di giochi molto acquistati tramite internet, riguarda la categoria food, che di tratti di peluche o pupazzi a forma di verdure o frutta, o piccolo set di stoviglie e armamentari per cucinare. Ci sono poi i cosiddetti regali “brutti ma belli”, ossia pupazzi a forma di mostriciattoli, zombi, animaletti che però hanno un aspetto meno spaventoso rispetto a quelli prodotti ani fa, anzi, generalmente sono caratterizzati da un aspetto tenero. Quest’anno hanno riscosso molto successo i regali “vintage”, ossia doni che in qualche modo si rifanno ai vecchi cavalli a dondolo di una volta o puzzle di legno.

Le scelte sono davvero tante, l’importante sembra comunque che il giocattolo non sia solo bello e divertente, ma anche intelligente e utile.

Photo Credits – ALBERTO PIZZOLI – AFP – Getty Images – 456059049

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>